seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cronaca » Evadono i domiciliari, tentano di rubare un auto ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Evadono i domiciliari, tentano di rubare un auto

Ma si cerca ancora il complice

di N.L.
cronaca | Evadono i domiciliari per passeggiare in centro città - Nella giornata di ieri, ben due pregiudicati catanesi sono evasi dagli arresti domiciliari. Andrea Fichera è il nome del 18enne a cui, per primo, sono scattate le manette nel centro di Catania quando è stato riconosciuto e bloccato dai militari mentre percorreva a piedi via Del Maggiolino, senza fornire una plausibile giustificazione. 
Antonino Carmelo Croazzo è invece il nome del secondo pregiudicato, 30enne di Tremestieri Etneo, anche lui arrestato per evasione: riconosciuto e bloccato da una pattuglia mentre passeggiava in una via del centro, in palese violazione del vincolo cui era sottoposto, come Fichera è stato tradotto presso il proprio domicilio in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

Nella costa jonica-acese, precisamente nella frazione di Cerza di San Gregorio di Catania, una pattuglia di carabinieri in servizio di perlustrazione ha notato due uomini intenti a forzare la serratura dello sportello di una Fiat 500 parcheggiata. Dopo un breve inseguimento, uno dei due malviventi, un 25enne incensurato, di cui è dato conoscere soltanto le iniziali M.F., è stato bloccato e arrestato per tentato furto in concorso. Le indagini sono ancora in corso al fine di identificare il complice che invece è riuscito a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce. 

Ad Acicatena, sempre lungo la costa jonica, i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato A.L., 27 anni incensurato, per rapina aggravata. Il giovane infatti ha fatto irruzione armato di taglierino e con il volto coperto in un supermercato e dietro minaccia si è fatto consegnare la somma custodita in cassa, 115 euro. Intascato il denaro, precipitatosi fuori dall'esercizio commerciale e convinto di averla fatta franca, si è trovato la pattuglia dei carabinieri dinnanzi, pronti ad arrestarlo. La refurtiva è stata restituita al responsabile del market mentre il giovane è stato tradotto nel carcere di Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus