seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cronaca » Imprenditore antiracket espone e vende le sue opere alle 'Ciminiere' ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Imprenditore antiracket espone e vende le sue opere alle 'Ciminiere' di Catania

L’uomo nel 2003 ha denunciato i suoi estorsori. Da allora silenzio ed abbandono, ma Bennardo Raimondi ha ancora voglia di lottare

di L.C.
cronaca | La storia di Bennardo Raimondi inizia nel 2003 quando decide di denunciare i suoi estorsori, gli stessi che lo avevano ridotto sul lastrico. Ma come spesso accade l’uomo si ritrova da solo, assurda l’assenza dello Stato. 
Chiusa l’azienda (Raimondi era un ceramista) e licenziati gli 8 dipendenti, è per lui iniziata una vita di stenti; oltre all’assenza dello Stato, l’uomo ha denunciato l’abbandono di amici e parenti. 

Spesso quello che riesce a guadagnare non basta a sfamare la famiglia, impossibile poi avere uno spazio da adibire a laboratorio, il suo è stato pignorato. Logica la richiesta fatta alle istituzioni di avere in dotazione uno dei numerosi immobili sequestrati alla mafia, ma anche in questo caso è stato il silenzio a primeggiare. 
Raimondi però non si da per vinto, da anni combatte contro silenzio e indifferenza, nonostante uno dei suoi due figli sia affetto da problemi fisici che lo costringono spesso a viaggi al nord per le cure. Forte della voglia di lottare, nonostante in passato ci sia stato un tentativo di suicidio, l’artigiano palermitano, che ora è sostenuto dall’Associazione Siciliana AntiracketAsia”, ha avuto concesso uno spazio alle Ciminiere di Catania, dove fino a domani potrà esporre e vendere le sue opere. 

''Racconto la mia esperienza – dice Raimondi - nella speranza che serva da esempio'', cosa che noi ci auguriamo vivamente.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus