seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cronaca » Licata: perquisizione a candidato sindaco ...
OkNotizie
 7 commenti  |  
A+ A-
 

Licata: perquisizione a candidato sindaco

Sotto inchiesta l'attività di Angelo Balsamo, avvocato di Licata candidato alle prossime amministrative

di L.C.
cronaca |
La polizia di Licata ha provveduto, nel pomeriggio di ieri, al sequestro di un fascicolo per un’indagine avviata nei confronti di Angelo Balsamo, avvocato e candidato a sindaco con la lista civica Noi e del Pdl alle prossime elezioni amministrative previste il 9-10 giugno. Sarebbero inoltre stati visionati e prelevati file dal suo computer e le fatture per emesse dallo studio per il periodo di novembre e dicembre 2011.
I reati contestati sono corruzione in atti giudiziari, falsa testimonianza e truffa e riguardano comunque la sua attività lavorativa. 
L’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Ignazio Ponzo e dal pm Salvatore Vella, deve far luce su di un incidente stradale dove Balsamo, avvocato difensore, avrebbe agito contro una compagnia assicurativa. 

Per alcuni sostenitori del candidato si tratterebbe di un disegno ordito da trame oscure per estrometterlo dalla competizione, questo il senso di alcuni commenti e articoli apparsi nella cronaca locale. 
E’ vero che la giurisprudenza italiana prevede 3 gradi di giudizio secondo cui vale il principio dell’innocenza, ma la città di Licata ha già pagato le vicende giudiziarie dell’attuale sindaco Angelo Graci, indagato per una tangente da cui è stato comunque assolto, ma che ha avuto ripercussioni nell'amministrazione della città visto il divieto di dimora inflitto durante le indagini. 
Il paradossale caso-Licata è stato ripreso da molti quotidiani e trasmissioni a carattere nazionale, soprattutto ad essere accusata era la legge che permetteva ad un sindaco di amministrare nonostante “in esilio”, con tutti i disagi annessi per la guida della città. La vicenda portò anche alle dimissioni in massa del consiglio comunale. 

L’avvocato Balsamo ha tutto il diritto di difendersi, l’augurio è che prenda le precauzioni del caso, che se dovesse essere eletto sindaco le sue vicende personali non incidano nell'amministrazione della città.
 
Commenti (7)
scritto da Da il 09-05-2013 12:46:33
 
eccone un altro....
scritto da Silvana Davanteri il 09-05-2013 13:23:33
 
Se` veramente pensate che questo schifo e` vero Licata/Licatesi siete degni di quello che avete ed avrete nel futuro. Neesuno si domanda come mai questa faccenda viene messa alla luce 1 mese prima delle elezioni. Ricordo 5 anni fa` mi arrivo' la notizia che vendeva bambini e avete eletto Graci 5 anni (5 anni di prosperita` e sviluppo per Licata) dopo non contenti del degrado causato Licata ci ricade ,sono sicura che si fara` lo stesso sbaglio anche se` spero di no. Ho l'impressione che la popolazione licatese sia " Surda e muta" e non imparera' mai dagli errori fatti nel passato.
scritto da luca il 10-05-2013 10:17:18
 
Quella di 5 anni fa era una notizia, dietro a questa vicenda ci sono invece indagini della magistratura. Il sindaco Graci ha invece rappresentato una vergogna in quanto doveva dimettersi visto che la sua personale situazione ha gravato sull'amministrazione della città. L'Italia è l'unico paese dove chi ha problemi con la giustizia può tranquillamente esercitare funzioni politiche,la vera vergogna è questa
scritto da Raffaele Mancuso il 10-05-2013 12:54:55
 
Nel nostro ordinamento giuridico e' prevista l'obbligatorieta' dell'azione penale, premesso cio' evidente che se arriva un esposto o una denuncia in procura questa sempre apre un fascicolo di indagini. Nulla toglie che fino a condanna non si possono togliere i diritti elettorali ad un cittadino.
scritto da luca il 10-05-2013 15:24:50
 
Sono d'accordo,infatti nessuno,almeno in questo articolo,sta dicendo al candidato se sia giuso o no candidarsi.Semplicemente in virtù di un'esperienza che la città ha già vissuto, con il sindaco Graci, l'invito a valutare bene tutta la vicenda, ponderare quanto le vicende personali possano incidere con l'amministrazione della città. Vige il libero arbitrio e nel rispetto della legge (gente indagata può comunque candidarsi) chiunque può fare le scelte che ritiene opportuno. I processi si fanno in tribunale
scritto da Salvo il 18-05-2013 01:28:53
 
Chi ha scritto questo articolo è indubbiamente di parte a Balsamo come chi a commentato. Nell'articolo si parla più di Graci che dell'avvocato, anche se non centra e le ultime due righe viene pure incoraggiato e difeso. Faremo parlare ai fatti magari esce qualcos'altro...
scritto da Luca il 18-05-2013 10:31:19
 
Salvo, ho scritto io l'articolo,tutto mi si può dire tranne che essere di parte,ne con Balsamo ne con nessuno. Chi scrive articoli ha l'obbligo di raccontare i fatti, lasciando da parte le ideologie. Ci sono i blog e i social network per schierarsi
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus