seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cronaca » Monreale: 137 genitori denunciati ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Monreale: 137 genitori denunciati

Procuravano l'evasione scolastica dei figli per farli lavorare in nero

di N.L.
cronaca | La Legge n. 3 del 2000 impone l’obbligo di istruzione fino al quindicesimo anno di età, ed è facile che questa non venga applicata in alcune zone rurali e ad alta densità mafiosa della Sicilia. 

E' quanto accaduto a Monreale e nei comuni che giacciono sotto la sua giurisdizione: 137 i genitori – (su 31 pendono procedimenti penali e 27 sono già pregiudicati) ritenuti responsabili di aver procurato l’evasione scolastica dei propri figli (in totale 143 studenti) – sono stati denunciati dai carabinieri della Compagnia di Monreale per il reato di inosservanza continuata dell’obbligo di istruzione dei minori. 
I controlli, condotti nel corso di tutto il corrente anno scolastico negli istituti di istruzione primaria e secondaria, hanno lasciato emergere una situazione molto più che degradante: infatti, spesso e volentieri sono i genitori a causare in modo forzato o ad agevolare l’interruzione della frequenza scolastica, mirando alla semplice alfabetizzazione primaria, avvertita come necessaria al vivere quotidiano e rinunciando a quella secondaria a fronte, in molti casi, di un impiego in nero per i più piccoli

La maggiore incidenza del fenomeno si è osservata nel comune di Monreale, ove sono stati identificati ben 57 dei 143 studenti che avevano abbandonato anzi tempo gli studi (pari al 39,8% del totale); 50 quelli identificati a San Giuseppe Jato (pari al 34,9%) mentre altri sono stati identificati tra i comuni di Altofonte (22), e San Cipirello (14). 

L’iniziativa, che ha visto la sinergica collaborazione dei poli didattici monrealesi e jatini con le Stazioni locali incaricate dell’analisi dei dati e coordinate del Nucleo Operativo e Radiomobile, si inserisce nel solco profondo di quella collaborazione tra scuola e Forze dell’ordine che già investe molteplici profili, soprattutto di natura preventiva e formativa: già da tempo infatti sono avviati periodici incontri tra alunni e rappresentati dell’Arma nell'ambito del “Progetto Legalità”, un ciclo di appuntamenti con cadenza annuale che porta i ragazzi a contatto con le istituzioni con l’obiettivo di incentivare fin dall'infanzia un approccio virtuoso e collaborativo in seno alla società civile, spesso corroborato da specifiche iniziative che vedono coinvolti studenti, Arma dei Carabinieri e associazioni o istituzioni locali per affrontare particolari temi o materie.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus