seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cronaca » Padre Puglisi: una statua per ricordare il beato nel luogo della sua ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Padre Puglisi: una statua per ricordare il beato nel luogo della sua uccisione

Il sindaco Orlando: "La sua beatificazione spazza via l'utilizzo perverso della fede da parte dei mafiosi"

di Natalia Librizzi
cronaca | “Non possiamo considerarci seduti al capolinea, già arrivati. Si riparte ogni volta. Dobbiamo avere umiltà, coscienza di avere accolto l'invito del Signore, camminare, poi presentare quanto è stato costruito per poter dire: sì, ho fatto del mio meglio. Dobbiamo portare speranza e non dimenticare che tutti, ciascuno al proprio posto, anche pagando di persona, siamo i costrutti di un mondo nuovo”. 

Con queste parole che furono di Padre Pino Puglisi, primo martire della mafia ucciso da Cosa nostra il 15 settembre 1993, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha dato il benvenuto ai pellegrini che in queste ore giungono da ogni parte della Sicilia e dell’Italia intera sia perché hanno voluto assistere alla beatificazione del parroco di Brancaccio la cui opera è stata e sarà testimonianza di impegno umano e civile, sia per inginocchiarsi e innalzare una preghiera di fronte alle sue spoglie provvisoriamente custodite in Cattedrale. Perché l'impegno contro la mafia, contro il sopruso, contro tutti i soprusi, l'impegno per i diritti di tutti è la giusta lotta per il diritto a essere cittadini, soprattutto in un quartiere a rischio come quello palermitano di Brancaccio.

Dopo la beatificazione, una statua di culto proprio - Proprio qui, in Piazza Anita Garibaldi, dove viveva ed è stato ucciso Padre Puglisi, è stata inaugurata ieri mattina la statua in legno (donata da alcuni artisti di Bolzano) raffigurante l’immagine del beato: le sue grandi orecchie, le sue grandi mani e i suoi grandi piedi, amava dire fossero doni creati dal Signore per i suoi fedeli. 
Dopo le preghiere di benedizione dei parroci del quartiere e del Vescovo di Fiesole, presente in questi giorni nella nostra città, il Sindaco ha ringraziato, con don Pino Puglisi e Papa Francesco, anche i due fratelli del beato presenti alla cerimonia, sottolineandone l'esempio di sobrietà in questi 20 anni di profondo dolore. E ha poi aggiunto: “Oggi, dopo il Magistero del Cardinale Salvatore Pappalardo, le chiare parole di Giovanni Paolo II in terra di Sicilia, dopo i documenti dei Vescovi Siciliani, la Beatificazione di don Pino Puglisi spazza via e definitivamente l'utilizzo perverso della Fede da parte dei mafiosi e spazza via alibi, complicità e incertezze di uomini di Chiesa e di fedeli troppe volte subalterni al sistema di potere fondato su perversione culturale, politica, economica e religiosa della mafia”.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus