seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » cultura&eventi » Visite, incontri, performance: apre al Convento dei Teatini di Palermo ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Visite, incontri, performance: apre al Convento dei Teatini di Palermo il Festival 'Le Vie dei Tesori'

Alle 17.30 l'inaugurazione, alle 18 l'incontro coi sindaci 'eretici' Marino, Orlando, Accorinti Gli alberghi Centrale e Torreata organizzano pacchetti turistici e cene a tema

di Redazione di BuonGiornoSicilia
cultura&eventi | Cinquanta tesori di arte, scienza e natura visitabili con il contributo di 1 euro, cento eventi gratuiti (incontri, performance, mostre, spettacoli, passeggiate d’autore) con ospiti d’eccezione. 

Si apre venerdì 11 ottobre, “Le Vie dei Tesori”, il festival di luoghi e idee promosso dall’Università di Palermo in collaborazione con le associazioni Perlevie e Amici dei musei siciliani e la società di comunicazione Feedback, e in partnership con una quarantina di istituzioni e associazioni della città. 
L’inaugurazione, venerdì 11 alle 17.30 nel chiostro dell’ex Convento dei Teatini (oggi facoltà di Giurisprudenza) in via Maqueda 172 alla presenza dei vertici delle istituzioni coinvolte nella manifestazione. E dei sindaci di Palermo Leoluca Orlando, di Roma Ignazio Marino, di Messina Renato Accorinti, che saranno i protagonisti alle 18 dell’incontro inaugurale del Festival dedicato all’eresia in politica e moderato dal caporedattore di Repubblica Palermo, Enrico Del Mercato. Sarà anche l’occasione per dare il via alla rassegna “Di libri e di tesori” organizzata da Navarra editore che andrà avanti fino a domenica 13 nell’ambito del Festival, con incontri, attività per bambini e ragazzi, performance, film, ispirata a uno dei temi messi in campo dal comitato organizzativo della manifestazione: quello dell’eresia. Le Vie dei Tesori, manifestazione inserita nel programma di Palermo Capitale della cultura 2019, si svolgerà in tre fine settimana di ottobre: venerdì, sabato e domenica (11-12-13, 18-19-20, 25-26-27) e nel primo di novembre (1-2-3). 

Migliaia le telefonate arrivate al call center della manifestazione, condotto da studentesse di Scienze del Turismo. Stampati e in distribuzione da domani in tutti i luoghi aperti per la manifestazione i coupon per partecipare alle visite guidate e alle passeggiate (coupon da 10 euro per 10 visite, coupon da 5 euro per 4 visite, ingresso singolo 2 euro), strumento per sostenere un Festival che, a esclusione da qualche patrocinio istituzionale, è completamente autofinanziato. E che nasce su iniziativa di un gruppo di giornalisti e professori palermitani convinti che la cultura possa portare crescita sociale e sviluppo economico. I primi segnali positivi arrivano dall’Hotel Centrale Palace e dall’Hotel Torreata, che hanno deciso di aderire alla manifestazione, acquistando coupon da regalare ai clienti e formulando una tariffa dedicata a chi soggiornerà a Palermo nei giorni del Festival. L’Hotel Centrale Palace organizzerà poi una mini-rassegna di due cene intitolata “Tesori e sapori” ispirata a due dei temi della manifestazione: le donne e l’interculturalità. La prima , “La Sicilia è donna”, il 20 ottobre, con Bonetta Dell’Oglio, che proporrà ricette che si richiamano al femminile. L’altra, legata all’interculturalità, il 2 novembre, “Sicilia-Colombia, andata e ritorno”, con Alessandra Castillo

Nel primo weekend, da domani a domenica, saranno aperti una trentina di luoghi con le visite condotte dalle guide qualificate degli Amici dei Musei siciliani: lo Steri, che riapre alle visite turistiche in corso di restauro; le Carceri dell’Inquisizione spagnola; la Chiesetta di Sant’Antonio Abate, la Real Casina cinese; le Catacombe dei Cappuccini; la Cripta delle Repentite; le cripte di sei chiese (Oratorio del Carminello, San Matteo al Cassaro, Oratorio della Morte in Sant’Orsola; Lanza di Trabia in San Mamiliano; Cocchieri alla Kalsa; Santa Maria di Piedigrotta); la Cappella dei Falegnami e il Circolo Giuridico alla facoltà di Giurisprudenza; il Museo Pitrè; la Biblioteca di Casa Professa che riapre dopo anni quando il restauro è quasi al traguardo; i due ex conventi che ospitano le due sedi dell’Archivio di Stato (Gancia e Catena); l’Accademia di Belle Arti nelle sedi di via Papireto e dei Cantieri culturali alla Zisa, dove sarà possibile vedere i ragazzi all’opera su tele e sculture; le chiese di Santa Chiara e San Nicolò, dove si potrà persino fare rintoccare la campana del campanile; la collezione Basile-Ducrot dove saranno esposti per la prima volta disegni inediti dei Basile; l’Orto Botanico, il Museo di zoologia Doderlein; il Museo geologico Gemmellaro; il Museo dei Motori e dei Meccanismi; l’ex manicomio della Vignicella con i suoi spazi verdi e i suoi padiglioni riqualificati, un luogo tutto da scoprire. In tutti questi luoghi non occorre prenotazione. Tutte esaurite le visite su prenotazione ai Qanat, nonostante si siano aggiunti nuovi turni di visita. Fuori circuito, gestita dall’Associazione dimore storiche (costo 15 euro a persona) la visita domenica a Palazzo Butera. Cinque i temi che faranno da filo rosso tra luoghi ed eventi, in un percorso di rimandi alla storia, alla letteratura, all’attualità. I temi sono l’eresia intesa in senso largo come “viaggio in direzione ostinata e contraria”, attualizzata al presente e declinata in ogni sfaccettatura, dalla religione all’economia. Il secondo è quello della città sotterranea, dei fiumi e delle acque. E ancora la città interculturale, radicata in luoghi come il centro Santa Chiara, nel cuore di un quartiere dove sono presenti numerose comunità di immigrati. Quarto tema le donne tra opportunità e violenza. E infine il Gattopardo a 50 anni dalla proiezione del film di Visconti: un omaggio a un capolavoro dei cinema e un’occasione di riflessione sui temi sollecitati dal romanzo cui è ispirato: in Sicilia tutto cambia per non cambiare mai? 

Tra gli ospiti ci saranno il presidente della Camera Laura Boldrini, il ministro della Cultura Massimo Bray, il sindaco di Roma Ignazio Marino, l’autrice televisiva e scrittrice Serena Dandini, l’antropologo Franco La Cecla, il geologo Mario Tozzi, il musicologo Gioacchino Lanza Tomasi, i giornalisti Gianni Riotta e Marcello Sorgi, l’autrice e regista Lina Prosa. 

Call center: 091.23893756 091.23893757 091.23893758 (dal 2 ottobre al 3 novembre, ogni giorno dalle 10 alle 18). 

info@leviedeitesori.it 

Ufficio stampa: Angela Abbate (Feedback) 335.7406260
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus