seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » musica&spettacolo » Artisti internazionali per la Biennale di Palermo ...
OkNotizie
 1 commenti  |  
A+ A-
 

Artisti internazionali per la Biennale di Palermo

Tema conduttore: La tradizione nell'avanguardia

di Valentina Sarri
musica&spettacolo | Dal 10 gennaio al 3 febbraio 2013 si svolgerà la prima Biennale d’Arte internazionale di Palermo. Saranno in mostra artisti di tutto il mondo coordinati dal presidente Paolo Levi critico d’arte torinese che ha presieduto una commissione di alto livello composta tra gli altri anche da Vittorio Sgarbi. 
Fra gli autori selezionati per l’esposizione palermitana ricordiamo:

L'albese Walter Accigliaro. La sua formazione artistica è prettamente torinese, egli presenta in mostra l’opera “Un frammento del tardo sfolgorio” del 1989, scelta dal Comitato Scientifico della Biennale in correlazione a quell’«energia compositiva» (così definita da Angelo Mistrangelo) che ha caratterizzato la sua produzione nei trascorsi anni ’80. Dopo le sue recenti presenze in considerevoli esposizioni a Milano (Galleria “Art&Co”), Montecarlo (5.a Biennale d’Arte), Pozzolengo (BS), Albissola Marina (personale in due sedi), Quiliano (SV), Torre Pellice (TO) e ad Alba (Galleria d’arte “Galeasso”), per Accigliaro questo è un ulteriore riconoscimento della qualità della sua ricerca espressiva nell’ambito della pittura aniconica. 

La scultrice Nietta d'Atena. E’ nata e vive a Reggio Calabria. Ha esposto le sue opere oltreché in Italia - una delle sue sculture in terracotta, il Tuareg del 2009, è stata esposta nel Complesso di Sant'Andrea al Quirinale in Roma -, anche a New York, Pechino, Parigi e in Spagna, ricevendo numerosi premi d'arte internazionali. Le sue opere sono custodite presso collezioni pubbliche e private; ha realizzato grandi pannelli per l'architettura ed un monumento, collocato a Pentedattilo, la roccia dalle cinque dita situata in provincia di Reggio Calabria. La scultura dell'artista scelta dal Comitato Scientifico della mostra è un pezzo unico in bronzo con base in legno dal titolo l'Atleta - la Ruota e sarà esposta presso il Loggiato San Bartolomeo di Palermo. Ecco il giudizio del comitato scientifico: " l'atleta, la Ruota rappresenta il dinamismo, la leggerezza, la gioia di vivere. La figura nasce da un vortice e volteggia leggera nell'aria e, nell'atto di roteare per dare forma alla ruota,le gambe sono ben definite mentre il resto del corpo scompare nella dinamica del gesto."


L'artista tiranese Ugo Mainetti. Pittore autodidatta,valtellinese. Trascorse l'adolescenza lavorando un po' in Italia e un po' all'estero. Negli anni '70 la sua "vita onirica" é sempre più intensa ed è alla ricerca di una totale ricostruzione della personalità umana. Paesaggi, situazioni,segreti del cuore si animavano attraverso figure che ne rivelavano il mistero dei corpi, dei sogni, delle visioni, dei sentimenti. "La sua presenza in occasione di questo importante evento consolida ancora una volta l'importanza del suo percorso stilistico nel palcoscenico artistico internazionale. Ci complimentiamo per il suo operato, per la particolare sensibilità compositiva manifestata. La scelta delle sue opere per l'esposizione alla prima Biennale d'Arte Internazionale di Palermo. con prova la stima e l'attenzione che rivolgiamo al suo prezioso operato artistico". [Il presidente comitato scientifico Paolo Levi, il direttore artistico Sandro Serradifalco, il comitato scientifico e consiglio direttivo Francesca Biondolillo].


L'artista Orsolina Bugna nasce a Bersone in provincia di Trento. Autodidatta si diletta a disegnare e dipingere paesaggi in ambito rurale e naturalistico stimolata dall’ambiente in cui vive. ha ricevuto l’Attestato di ammissione per . “La sua presenza in occasione di questo importante evento consolida ancora una volta l’importanza del suo percorso stilistico nel palcoscenico artistico internazionale. Ci complimentiamo per il suo operato, per la particolare sensibilità compositiva manifestata. La scelta della sua opera per l’esposizione alla 1° Biennale d’Arte Internazionale di Palermo comprova la stima e l’attenzione che rivolgiamo al suo prezioso operato.” Paolo Levi – Presidente Comitato Scientifico. 


Yasmin Javidnia, di nazionalità iraniana è nata il 19 Luglio 1976 a Berlino ( Germania). Fino alla età di 3 anni vive in Germania poi si trasferisce a Tehran (Iran) città natale dei suoi genitori. Ha studiato grafica in una scuola privata di arte ( “Nesamol molk” in Teheran). Successivamente al raggiungimento del diploma ha iniziato a dipingere. Nel 2010 arriva in Italia studiando presso l’Università degli studi di Firenze seguendo il corso di laurea in “tecnologie per il restauro dei beni culturali” iniziando a partecipare ad alcune esposizioni. Esposizioni effettuate: 2012 Pietrasanta ( Galleria Pinto- Personale); Roma ( Premio Primavera 2012- Galleria L’agostiniana); Berlino ( Marzia frozen- Kunsfactor); Venezia (Studio arte carapostol- Art Expo 2012); Roma (IX Biennale d’arte Internazionale) 2011 Piano di Sorrento ( vincitrice Premio Città di Piano di Sorrento); Roma (Spazio Officina- collettiva d’arte contemporanea); Milano ( D’Orlando Museum- Buona la prima); Milano (D’Orlando Museum- Arte all’Arco); Milano ( D’Orlando Museum-Studio Gabelli).


Il tema conduttore di questa 1.a Biennale d’Arte internazionale di Palermo è “La tradizione nell’avanguardia”. Tale argomentazione e tutte le opere degli artisti sono trattate nel catalogo generale dell’importante rassegna, curato da Paolo Levi, con una prefazione di Vittorio Sgarbi.
 
Commenti (1)
scritto da Gifan il 12-01-2013 11:41:16
 
Fa certamente piacere vedere di nuovo la "cultura" a Palermo, sperando in una continuità e assiduità futuribile, specie quando emergente e giovane. Per chi vive lontano ed è palermitano è una frustrazione... qualcosa verso cui, fuori, sei continuamente attratto per la difficoltà di scelta, quando hai finalmente l'opporunità a Palermo, l'effetto è frustrante. Comunque buona visita a tutti, con l'auspicio di un ritorno alle nostre tradizioni di accoglienza dell'arte che, spesso esordiva a Palermo, diventando grande nel mondo!
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus