seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » musica&spettacolo » C'è sempre spazio per la buona musica: Pink Floyd ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

C'è sempre spazio per la buona musica: Pink Floyd

Quarant'anni e non sentirli, un doveroso omaggio a Dark Side Of The Moon.

di Alessio Bellone
musica&spettacolo | Sfondo nero, un prisma e un fascio di luce che si trasforma in un arcobaleno. La copertina di un album che è diventato un simbolo e Dark Side Of The Moon ha fatto la storia della musica a livello mondiale: compie quarant'anni – portati benissimo. 
 
Non è facile parlare di un gruppo e di un'opera su cui è stato già detto tutto, ma ci proverò lo stesso. Un disco il cui successo fu dovuto sia alla ricchezza di sperimentazioni sonore sia al contenuto dei testi con temi ancora oggi attuali come Money che si scaglia contro l'avidità e il consumismo moderno, o Brain Damage in in cui Waters riflette sulla follia, ispirato dall' ex componente della band Syd Barrett - E se la nuvola scoppia / un tuono nelle tue orecchie tu urli e nessuno pare sentirti / e se la band in cui sei inizia a suonare melodie differenti/io ti vedrò sul lato oscuro della luna
 
Il concept dell' album è racchiuso nella breve Eclipse, in cui viene esasperato il significato figurato del titolo disco: il lato oscuro non dal punto di vista geografico bensì mentale del genere umano, incapace di integrarsi nella perfetta sintonia di tutto ciò che lo circonda -E tutto quello che è sotto il sole è intonato / Ma il sole è eclissato dalla luna. La frase finale in sottofondo, durante gli ultimi secondi del brano che chiude l'album sottolinea ulteriormente la relatività del tutto - A dire il vero non c'è un lato oscuro della luna. In realtà è tutta scura. 

 Dark Side Of The Moon non è il miglior album dei Pink Floyd, ma la sua bellezza e il suo successo sono da deputare all'innovazione e l'evoluzione portata al suono e alla ricchezza di significati che accompagna ogni testo. Interamente registrato negli studi di Abbey Road di Londra, Waters, Gilmour, Wright e Mason utilizzarono il top della tecnologia dell'epoca per concepire questo capolavoro che gli ha permesso di vendere oltre 50 milioni di copie. È difficile estrapolare un particolare brano da un album del genere, in cui ogni traccia rende al meglio solo se accostata a tutte le altre. 

 Per questo motivo vi regalo l'intero album. Buon ascolto a tutti!







 
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus