seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » musica&spettacolo » Piazza Armerina: ieri notte la storica riapertura della Villa del ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Piazza Armerina: ieri notte la storica riapertura della Villa del Casale

Il restauro porta la firma di Guido Meli e Vittorio Sgarbi

di Valentina Sarri
musica&spettacolo | «Il restauro della Villa romana del Casale è un evento storico. Tanti restauratori, sotto la guida di Vittorio Sgarbi, hanno contribuito a questo splendido lavoro». Così il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, ha annunciato la riapertura del sito archeologico di Piazza Armerina, dal 1997 inserito nella lista dei beni Patrimonio dell'umanità dell'Unesco, che oggi 4 luglio in notturna.

Un evento straordinario e come sottolinea l'assessore ai Beni culturali Sebastiano Missineo, sarà anche l’occasione per rilanciare il turismo nella nostra regione. "Sara' il cuore di un comprensorio che vedra' passare i turisti dagli attuali 270mila ai 500-600 mila, che diventeranno 800 mila annui in un triennio".

I mosaici che tutto il mondo ci invidia finalmente sono tornati al loro splendore. Sono serviti circa sei anni di lavoro e 18 milionidi euro per restaurare il sito archeologico. Un lavoro lungo e difficile come si può evidenziare dai numeri: 120 milioni di tessere musive su 4100 metri quadri di pavimentazione, dipinti murali, sculture, fontane, 58 colonne per quella che e' stata la piu' straordinaria 'casa del piacere' del Mediterraneo. Una superficie musiva di 2500 metri quadri, altrettanti di intonaci di superficie marmorea, 4 edicole e 3 sculture marmoree, una grande fontana e 7 fonti mosaicate, 14 capitelli e 44 basi in marmo, 3500 metri quadri di coperture nuove e 340 di metri lineari di passerelle.

Il progetto di restauro porta la firma di Guido Meli,secondo le linee guida del Commissario della villa Vittorio Sgarbi, è stato redatto dal Centro regionale di Progettazione e restauro e finanziato dal Por Sicilia.

E per il critico d’arte Vittorio Sgarbi: "E' assurdo che l'Italia ignori un evento di questa portata", dice Sgarbi che riconosce all'ex governatore Salvatore Cuffaro, "in carcere ingiustamente" di "avere avuto l'intuizione di affidare a un alto commissario il restauro e il rilancio del sito". "Il lavoro è stato portato a termine non senza polemiche. Le idee mie e dell'architetto Meli erano in forte contrasto rispetto al primo restauro di Franco Missini compiuto negli anni sessanta - ha dichiarato Vittorio Sgarbi - In ogni caso il restauro è completo all'80%. Fortunatamente in questi giorni è arrivata notizia della possibilità di usufruire di circa 7 milioni di euro, si presuppone fondi Pon, che consentirebbero di terminare i lavori all'esterno della villa. Questa è un opera di straordinaria importanza, paragonabile alle opere di Firenze o di Venezia. Colgo l'occasione per fare un appello a tutte le figure dello Stato, sarebbe il minimo che fossero presenti all'inaugurazione. Del resto si tratta di un sito riconosciuto dall'Unesco".

"Saranno presenti anche i sindaci di altri siti Unesco, come Ferrara e Padova - ha annunciato il sindaco di Piazza Armerina, Carmelo Nigrelli - è davvero un evento unico". All'annuncio del sindaco Nigrelli si aggiunge quello di Vittorio Sgarbi: "Prego il presidente Lombardo, come le più alte cariche siciliane, di non mancare - ha affermato Sgarbi - ci si può anche presentare a mezzanotte. Tanto grazie al nuovo sistema di illuminazione istallato, la visita notturna è ancora più suggestiva".

Con una vena polemica così commenta l'ex assessore ai beni culturali Fabio Granata: "La riapertura di Villa Romana del Casale e’ un motivo di grande soddisfazione per chi ha voluto il restauro,individuato le somme,fatto approvare il finanziamento e firmato il decreto, nominando Sgarbi Commissario straordinario.E visto che non lo ha ricordato nessuno,in questa Sicilia priva di memoria storica,lo faccio io".

PROGRAMMA: alle 18:30, presso il teatro Garibaldi di Piazza Armerina, concerto di sedici elementi dell'orchestra sinfonica siciliana, diretti dal maestro Salvatore Magazzù. Musiche di Mozart e Grieg eseguite dalla pianista Maria Gloria Ferrari. Dalle 20:30 sarà, poi possibile ammirare la villa.

 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus