seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » "Nisciti i Picciulì!" Ecco lo slogan degli operai Gesip in piazza a ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

"Nisciti i Picciulì!" Ecco lo slogan degli operai Gesip in piazza a Palermo

Sindacati, studenti e Gesip, insieme per una maxi protesta contro il governo Monti

di Claudia Guarino
politica |
E ci risiamo! Palermo nuovamente assediata e bloccata da manifestazioni e scioperi. 
 Una protesta che si sta battendo, dalle 9:30 di questa mattina, su tre fronti: un corteo di scioperanti, fra studenti e operai della Gesip, è partito da piazza Pretoria bloccando il traffico cittadino e creando disagi alla viabilità stradale; contemporaneamente, da piazza Politeama, un altro filone di manifestanti ha dato il via ad uno sciopero indetto dai Cobas; infine, da Piazza Verdi si è mosso il coro di protesta della Cgil, una manifestazione che in realtà riguarda, non soltanto il capoluogo siciliano, ma l’intera Nazione, che scende in piazza nella giornata di mobilitazione europea indetta dalla Ces, la Confederazione europea dei sindacati. 

 La marcia verso Palazzo d’Orleans – Sindacati, Gesip e studenti, tre cortei uniti contro “le politiche di austerity imposte dal governo dei tecnici di Monti e Ferrero”. Una mobilitazione i cui obiettivi primari sono: la richiesta di servizi sociali gratuiti, il blocco degli sfratti, il reddito garantito per precari e disoccupati e la lotta al carovita. Un clima di tensione dovuto anche alla presenza dell’Usb (Unione Sindacale di Base) che vede la partecipazione al corteo di studenti e insegnanti precari, pronti a far sentire la propria voce contro il governo Monti, urlando e mostrando slogan che recitano “Lavoro e resistenza!” 
"No a questa mattanza sulla scuola pubblica - dice Sabrina Chiolo, insegnate del liceo scientifico Cannizzaro - Siamo stanchi dei media che non parlano dei problemi reali del Paese ma solo di quello che riguarda la classe politica. Il governo Monti non è un governo di cultura ma solo di tagli indiscriminati". 
 "Oggi si inaugurano - dicono gli studenti - i tre giorni di mobilitazione che culmineranno nella grande manifestazione di venerdì".

 Uniti dallo stesso movente, anche i 1800 precari della Gesip, che stanchi “dell’indifferenza del Sindaco Orlando e delle altre istituzioni” – come sottolinea in una nota Sandro Cardinale di Usb - continuano la loro protesta nonostante i numerosi blocchi stradali e gesti di forza tentati nei mesi precedenti. “Dopo un’iniziale apparente gestione della situazione , proprio in mancanza di quel welfare clientelare spendibile per mettere toppe ad una situazione ingestibile per le istituzioni locali, il Sindaco si trova in enorme difficoltà – dichiara Cardinale a proposito dell’interessamento di Leoluca Orlando alla questione Gesip - e non ha ancora trovato una soluzione al problema dopo avere fatto del "caso Gesip" uno dei cavalli di battaglia in campagna elettorale”. 

 Terminerà a breve lo sciopero di 4 ore che da questa mattina attanaglia il centro cittadino palermitano. Un lungo zig-zag umano, intanto, sta attraversando corso Vittorio Emanuele, dirigendosi verso piazza Indipendenza, alla sede della presidenza della Regione siciliana. Gli operai della Gesip sfilano per la città esibendo uno striscione con scritto "Nisciti i Picciulì" (Tirate fuori i soldi). 
I Cobas, invece, stanno proseguendo la loro marcia verso la prefettura di via Cavour. 
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus