seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » Comiso: il quarto aeroscalo della Sicilia non ha aerei ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Comiso: il quarto aeroscalo della Sicilia non ha aerei

E non sono stati avviati nemmeno contratti con le compagnie aeree

di Natalia Librizzi
politica | È stato inaugurato ieri mattina l'aeroporto di Comiso, in provincia di Ragusa, intitolato al generale Vincenzo Magliocco. Ma è già scandalo. Il quarto aeroscalo della Sicilia infatti ha tutta l’aria di essere uno specchietto per le allodole: il taglio del nastro, avvenuto proprio a una settimana dalle elezioni amministrative, ha presentato a migliaia di persone la struttura che è costata ben 50 milioni di euro, che è difficilmente raggiungibile (per arrivare a Comiso bisogna percorrere la Catania-Ragusa a doppio senso e a corsia unica) e che è totalmente inattiva perché mancano gli aerei.

Un miracolo in Sicilia oppure il desiderio di un secondo mandato? Ieri, durante la grande passerella di politici e istituzioni, sono comparsi infatti – oltre ai controllori di volo, gli addetti ai metal detector e i vigili del fuoco – anche i volantini elettorali del sindaco uscente di Comiso, Giuseppe Alfano, il quale però ha dimenticato di dichiarare che… mancano gli aerei. 
Ebbene sì, quello di Comiso è un aeroporto senza aerei perché i contratti con le compagnie (Ryanair, Airone, Tunisair e Airmalta) non sono stati ancora stipulati e si ipotizza che le tratte non potranno essere attivate prima di agosto. Durante il periodo estivo, saranno previsti solo alcuni voli charter: il primo proveniente da Londra, atterrerà a Comiso il 7 giugno alle 18.30. 

Tuttavia l'aeroporto che costa per nessun tipo di servizio 250mila euro al mese, è operativo dalle 9 del mattino di oggi e i tabelloni degli arrivi e delle partenze sono dei semplicissimi demo mandati a ripetizione. Durante l’inaugurazione, un gruppo di dipendenti di Marsa Sicla e altri villaggi turistici del litorale ibleo, senza lavoro per la chiusura decisa con provvedimento giudiziario per la mancanza di scarichi fognari, hanno protestato esponendo degli striscioni e gridando "Buffoni". Se non vengono riaperti i villaggi, prima attività turistica della zona, a che serve l'aeroporto?
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus