seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » Muos – Manifestazione il 9 agosto contro l’ultima decisione di ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Muos – Manifestazione il 9 agosto contro l’ultima decisione di Crocetta

Il Comune di Palermo si schiera con i NoMuos, a Niscemi iniziato il campeggio per ribadire il no al radar

di Luca Castrogiovanni
politica | L’avevamo definita la storia infinita, in effetti l’ultimo colpo di scena targato Crocetta, da alla vicenda sul Muos, contorni sempre più da telenovelas. 
La revoca dell’annullamento delle autorizzazioni, arrivata dopo il pronunciamento dell’Istituto Superiore di Sanità che definisce il sistema radar non nocivo, è l’input per un’estate di “resistenza”, il rafforzamento di quella convinzione a non fidarsi delle Istituzioni; eppure la mozione che bloccava le autorizzazioni era stata votata all’unanimità da tutta l’Assemblea Regionale Siciliana. 
Dietro l’annullamento delle revoche alle autorizzazioni si gioca una battaglia soprattutto politica, è questa la convinzione degli abitanti di Niscemi, che da diversi anni ormai si battono contro quello che più che un bisogno viene definito un sopruso degli Stati Uniti. Il recente ricorso (bocciato) presentato dal Ministero della Difesa contro la revoca delle autorizzazioni, un chiaro segnale che troppo spesso sono i rapporti diplomatici che si tende a tutelare piuttosto che le esigenze della collettività. 
In virtù di questi fatti, il prossimo 9 agosto è stato organizzato l’ennesimo momento di protesta contro il Muos, il radar della discordia che dalla comunità niscemese viene ritenuto nocivo. 

Sempre in quest’ottica è iniziato ieri il campeggio no-muos, momento in cui tutti i cittadini sono chiamati a raccolta per confrontarsi. Il movimento no-muos sta raccogliendo adesioni da diverse amministrazioni, ieri è arrivata quella del Comune di Palermo, le città di Niscemi, Caltagirone, Ragusa, da diversi giorni hanno le aule consiliari occupate, i Sindaci delle città hanno annunciato la loro presenza al corteo. Altre iniziative sono previste in altri comuni dell’hinterland; a Licata è previsto un sit-in e altri momenti di sensibilizzazione, iniziative analoghe a Gela dove momenti di protesta si sono avuti durante le celebrazioni per il 70esimo sbarco americano sull’isola. 

Crocetta, accusato di aver autorizzato la ripresa dei lavori (che in realtà non mai stati fermati) come atto dovuto alla potenza americana, sostiene che non c’erano alternative alla decisione presa dalla giunta regionale. Respinge le accuse di servilismo agli USA sostenendo che dietro alle polemiche ci sono i soliti attivisti, no-global, anarco-insurrezionalisti e mafiosi. 

Indubbiamente sono tante le pressioni subite dal Governatore; un progetto così dispendioso economicamente, circa 18 miliardi di dollari, la volontà del governo nazionale di realizzare l’opera, giustificano forse la fretta con cui si è fatto marcia indietro. Il parere dell’Istituto Superiore di Sanità che definisce il Muos non inquinante, è l’unico studio che afferma questa teoria, esclusi gli studi commissionati ad hoc per giungere a questo verdetto; diversi studiosi di svariate università hanno invece sottolineato gli effetti nocivi del radar. 

L’accusa di troppa fretta non sembra così blanda, essendoci pareri discordarti era forse il caso di attendere ulteriori relazioni prima di rischiare di firmare una condanna a morte per i cittadini di Niscemi e di tutto il comprensorio. E in attesa che si smetta di giocare con la vita dei cittadini, il prossimo 9 agosto arriva l’ennesimo momento che più che di protesta, può essere definito di diritto, quel diritto alla salute troppo spesso dimenticato.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus