seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » Palermo - Torna l'emergenza rifiuti ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Palermo - Torna l'emergenza rifiuti

Raccolta sospesa per la protesta dei dipendenti che chiedono garanzie sul loro futuro. La città torna ad essere invasa dai rifiuti

di Luca Castrogiovanni
politica | Ne avevamo discusso lo scorso gennaio; nell'articolo Ritornerai avevamo affrontato la questione rifiuti, la provocazione del titolo non nasce da particolari poteri magici, ma dall'analisi di certe situazione. 
Palermo è tornata ad essere invasa da cumuli di spazzatura, cassonetti stracolmi e proteste che iniziano a diffondersi nei vari quartieri; a Brancaccio i residenti hanno rovesciato i contenitori, di certo non il modo migliore protestare, nonostante sia comprensibile l'esasperazione degli abitanti. Ma anche nel centro storico la situazione non è delle migliori. 

Le ultime dichiarazioni del sindaco Orlando lanciano pesanti accuse contro gli ultimi dirigenti, sopratutto per i compensi percepiti da quest'ultimi: “Potrebbero anche guadagnare un solo euro l'anno, sarebbe anche troppo rispetto allo sfascio che hanno prodotto e ai disservizi che hanno procurato alla città e ai cittadini”. 
E in attesa di analizzare l'interrogazione presentata dal consigliere Francesco Bertolino, partita dalle segnalazioni anonime di alcuni cittadini, le accuse del sindaco non finiscono qua: “Il caso dell'Amia è di gravità eccezionale, frutto di una scandalosa casta che ha distrutto una grande azienda e messo in ginocchio la città. Ho lasciato un'azienda ricca (6 milioni di utili nel 2000 e un tesoretto investito in Titoli di Stato) e ho trovato un'azienda saccheggiata da amministratori barbari che dovrebbero solo vergognarsi." 

Intanto ieri in via Cavour, ad aspettare l'esito dell'incontro tra Leoluca Orlando ed il prefetto Umberto Postiglione, c'erano i dipendenti della società che attendono risposte circa il loro futuro. Si cerca di risolvere una complessa situazione, tra le possibilità al vaglio c'è quella di dichiarare il fallimento della stessa Amia, in modo tale da poter fare nominare dal tribunale un curatore fallimentare, così che il Comune possa garantire la copertura economica. 

E mentre si discute Palermo viene sempre più sommersa dai rifiuti.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus