seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » Primavera siciliana - Il risveglio della sensibilità ecologista ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Primavera siciliana - Il risveglio della sensibilità ecologista

A Palermo, Catania e Caltagirone iniziative eco-sostenibili in concomitanza con l'inizio della primavera

di Luca Castrogiovanni
politica | "La Primavera non bussa, lei entra sicura", nonostante l'uomo faccia di tutto per lasciarla fuori dalla porta. 
La nostra società è impegnata da diversi anni nella quotidiana distruzione di un mondo fragile e dalle risorse limitate, ciò nonostante la primavera arriva e "come il fumo lei penetra in ogni fessura"...E magari nelle sensibilità. 

A questa stagione si lega da sempre un messaggio di rinascita, oggi più che mai necessario, ed è in questo ambito che possiamo collocare l'evento "Primavera siciliana" che ieri ha aperto i battenti in 3 città dell'isola: Palermo, Catania e Caltagirone
L'iniziativa, che durerà fino al 24 Marzo, è dedicata al rapporto tra verde e città in tutte le sue forme, ponendo al centro del dibattito lo sviluppo sostenibile, cercando di creare una sinergia tra paesaggio, agricoltura e architettura. 

La Sicilia è quindi un cantiere ideale per progetti di questo tipo, perchè coniuga un paesaggio stuprato da eco-mostri, un'agricoltura poco coinvolta nei cambiamenti e un'architettura obsoleta. Uno sviluppo eco-sostenibile deve dunque coinvolgere e soprattutto coordinare questi aspetti. 
Il crescente (auspicabile) utilizzo di fonti energetiche alternative rischia di "rubare" sempre più spazio ai terreni agricoli, influendo sulla deturpazione del paesaggio; per riequilibrare l'ambiente dunque, servono progetti che tendano a rispettare l'ambiente che li ospita, tenendo d'occhio la riqualificazione di zone che dall'uomo sono state fortemente condizionate. E' questo l'ambizioso progetto di "primavera siciliana". 
L'evento, organizzato da Promoverde Sicilia, è alla sua prima edizione e si propone di sensibilizzare i cittadini con un calendario fitto di appuntamenti; oltre a workshop e convegni, sono previste iniziative per le città: coinvolte scuole, professionisti e attività commerciali nella realizzazione di "trame verdi" con installazioni permanenti e temporanee. 

A Palermo scuole protagoniste questa mattina: giovanissimi dai sei ai tredici anni, hanno partecipato con i loro disegni all'installazione curata dall'associazione NatWork a piazza Lolli. 

Catania non rimane a guardare tutt'altro: tanti giovani protagonisti del capoluogo etneo, dimostrano che la sensibilizzazione delle nuove generazioni è un chiaro punto di partenza. 
La Sicilia deve quindi cercare di improntare il suo sviluppo su un'eco-sostenibilità ormai indispensabile, che oltre ad una migliore qualità della vita "rischia" di avere ripercussioni positive in aspetti come il lavoro e la cultura. Da sempre abbiamo sostenuto questa linea ed il patrocinio di Regione, Province, Amministrazioni, Enti, Università e la partecipazione di associazioni e cittadini non può che essere accolto positivamente. 
La sinergia che "primavera siciliana" cerca di costituire tra i vari settori non può che essere auspicabile a progetti più grandi, l'appello alla politica è quindi inevitabile affinchè tutti gli aspetti artefici del futuro siciliano possano essere seriamente coordinati. 
Alla politica chiediamo che sia creata una sinergia tra sviluppo, bisogni della gente e, soprattutto, legalità.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati ()

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus