seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » politica » Valerio Onida confessa alla finta Margherita Hack: 'I saggi? sono ...
OkNotizie
 1 commenti  |  
A+ A-
 

Valerio Onida confessa alla finta Margherita Hack: 'I saggi? sono inutili'. È caso nazionale

Vittima di uno scherzo telefonico proprio uno dei saggi nominati da Napolitano

di Natalia Librizzi
politica | Valerio Onida, presidente del comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura e dal 30 marzo membro della commissione per le riforme istituzionali, è stato vittima di uno scherzo telefonico magistralmente orchestrato dal programma La zanzara, in onda su Radio 24

I saggi? Non serviranno a nulla - Un imitatore, interpretando l’astrofisica toscana Margherita Hack, esordisce dichiarando tutto il suo scetticismo circa il consesso nominato da Napolitano dei dieci "facilitatori" – di cui proprio Onida fa parte: "Questa cosa dei saggi, a me sembra sinceramente una cosa inutile…". Onida, convinto del tono strettamente confidenziale della telefonata, non si tira indietro e commenta così: "Ma guardi, sì, è probabilmente inutile. Serve a coprire questo periodo di stallo, dovuto al fatto che dal Parlamento non è venuta fuori una soluzione mentre l'elezione del nuovo Presidente è tra 15 giorni. Allora il nuovo presidente potrà fare nuovi tentativi o al limite sciogliere le Camere, cosa che Napolitano non può fare. Questa cosa... sono d'accordo che non servirà nella sostanza". 

Le critiche a Berlusconi - Il saggio costituzionalista non commenta solo l’inutilità dei saggi, il cui lavoro è stato definito "di copertura" per il momento di stallo in cui governo italiano giace; ma quando viene interpellato sui partiti, descrive un Parlamento scisso: un PD che non ce l’ha fatta, Grillo che "non ne vuole sapere" e Berlusconi che "naturalmente spera sempre di avere qualche vantaggio o protezione. È anziano, - continua Onida –, speriamo si decida a godersi la sua vecchiaia, è un mio coetaneo. Potrebbe andare a godersi la sua vecchiaia e lasciare in pace gli italiani". 

Le scuse di Onida e le reazione del PDL - Scoperto che si trattava però di uno scherzo radiofonico, Valerio Onida ha provveduto subito e in una nota si è scusato sia con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che con Silvio Berlusconi: "Esprimo il mio rammarico per l’imbarazzo che la pubblicazione può aver creato al Presidente, e le mie scuse a Berlusconi perché un mio giudizio privato, espresso in chiave ironica e autobiografica – ho detto che sono un suo coetaneo – diventando pubblico potrebbe averlo ingiustamente offeso". Come non hanno tardato le scuse, così non si sono fatte aspettare le reazioni del mondo politico, soprattutto quelle del PDL, che ha tuonato all'unanimità le dimissioni del saggio
Tuttavia Onida non ha lasciato il suo incarico, anzi è continuando a gestire il compito affidatogli da Napolitano, che potrà dimostrare di essersi "pentito" delle dichiarazioni rilasciate a Radio 24.
 
Commenti (1)
scritto da mario il 05-04-2013 11:27:56
 
Fantastico, ci prendono in giro come trottole!!!!!
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus