seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » Rubriche » #Controcalcio » Dall'esperienza di #Controcalcio, nasce 'Storie fuorigioco': il lato ...
OkNotizie
 1 commenti  |  
A+ A-
 

Dall'esperienza di #Controcalcio, nasce 'Storie fuorigioco': il lato più umano e nascosto dei personaggi che hanno fatto la storia del calcio

Al 'Radio Wuonz Live Club' di Roma la presentazione del libro edito da L'Erudita

di Francesco Fanuele
#Controcalcio | Si è svolta presso il Radio Wuonz Live Club di via Nemorense a Roma la presentazione del libro "Storie Fuorigioco", edito da L'Erudita

Un'antologia di racconti sul lato più umano e nascosto dei personaggi che hanno fatto la storia del mondo del calcio, nata dall'esperienza del blog "Controcalcio" e curata da Fabio Belli, giornalista pubblicista, collaboratore di Buongiorno Sicilia e redattore del quotidiano romano Il Corriere Laziale. 

La frase chiave di "Controcalcio", ovvero "memoria condivisa a ruota libera sul football, è stata riportata in pieno nell'esperienza di "Storie Fuorigioco", anche grazie all'aiuto di altri quattro giornalisti, Manuel Proietti, Andrea Agrifoglio, Emiliano Storace ed Enrico D'Amelio, che hanno partecipato con dei loro racconti all'antologia. 

"ControCalcio", nasce il 1 gennaio del 2012, poco più di un anno fa, come un blog/album dei ricordi: il football raccontato da chi l’ha vissuto, o da chi ama fare ricerche per raccontare questo o quel personaggio. Poche statistiche, molti aneddoti, curiosità a valanga. Si può offrire un contributo mandando un proprio articolo (su una squadra, un calciatore, un episodio, una partita, qualunque cosa) e condividendo la propria memoria su episodi del gioco più bello del mondo, scritti sugli almanacchi, ma che per ognuno possono significare emozioni diverse. 

E così nella serata al Radio Wounz Live Club il libro "Storie Fuorigioco" ha coinvolto anche la platea intervenuta (presenti tra gli altri il giornalista di Repubblica Marco Ercole, Vladimiro Cotugno del Corriere dello Sport, Vincenzo Bisbiglia de Il Tempo e Stefano Fiori del portale Lalaziosiamonoi.it) per parlare dei personaggi immortalati nel libro. 
Si va da Paul Breitner, il "maoista" che cedeva alle lusinghe commerciali, a Nicola Berti simbolo del tramonto dell'Italia degli anni '80. Dal campione del Manchester City Mike Summerbee, che una volta giocò con un caso da poliziotto calato sulla testa, fino a Brian Clough, antesignano di Josè Mourinho nei metodi e nei modi di rapportarsi con i media. C'è la storia di Paulino Alcantara, che negli anni '30 nel Barcellona segnava a ritmi superiori a quelli di Messi, e quelle di Roberto Mancini e Franco Scoglio, protagonisti di un'inedita Genova città di mare e di calcio. Dai tre rigori falliti in una partita da Martin Palermo alla meteora romanista Lassissi, persosi tra infortuni e stregoni, fino alle incredibili avventure di Arcadio Spinozzi, stopper dalla vita tormentata con la maglia della Lazio tatuata sulla.


D’altronde è stato Pier Paolo Pasolini a dire che: “Il calcio è l'ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l'unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro.” Un rito che si tramanda dunque, la commedia che incontra il tragico, tutto in un rettangolo di gioco di poco più di cento metri, per la durata immutabile di novanta minuti: dove altro nella società moderna si può trovare tutto questo?
 
Commenti (1)
scritto da Giocas il 01-03-2013 09:26:57
 
Bravi ragazzi! Ottima iniziativa! Corro a comprarlo :)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus