seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » Rubriche » Muro Rosanero » Il cammino di Santiago ...
OkNotizie
 1 commenti  |  
A+ A-
 

Il cammino di Santiago

Parafrasando il famoso libro di Paulo Coelho... Un pensiero va al terzino del Palermo

di Paul Grotta
Muro Rosanero | Parafrasando il famoso libro di Paulo Coelho, voglio porgere l’attenzione sulla partita di ieri contro l’inter e sulla prestazione di Santiago Garcia il terzino più imbarazzante della serie A. 

Non voglio dare addosso al ragazzo ma è palese per chi segue il Palermo da molto tempo come me, che questo giocatore non è pronto per grandi palcoscenici come il nostro campionato, al di là dell’autogol di ieri, al di là del fatto che l’organico del Palermo non è adatto per condurre un campionato di discreto livello, ma non possiamo andare avanti così, perché ieri il protagonista in negativo è stato Garcia, ma domani chi sarà? 

Santiago Garcia nato a Rosario in Argentina nel 1988, è un terzino che all’occorrenza può fare il difensore centrale, esordisce con la maglia del Rosario Central nel 2008, diventando poi titolare nella stagione 2010, stagione in cui viene acquistato dal Palermo per circa 1 milione di euro, vestendo la maglia n. 29. 
Si trasferisce a Palermo disputando una stagione discontinua chiudendo con “sole” 7 presenze tra campionato e coppa, l’anno successivo viene girato al Novara (dove curiosamente segna l'unico gol della sua stagione proprio a San Siro contro il Milan questa volta nella porta giusta), collezionando 23 presenze tra campionato e coppa Italia, concludendo la stagione con la retrocessione del Novara. 

Non è l’unico giocatore del reparto difensivo del Palermo ad aver subito la retrocessione nella stagione 2011-2012, anche Von Bergen fa parte della cricca retrocessa..

Quella di ieri è stata una prestazione anonima del Palermo, ma ancora più anonima è stata la prestazione dei nerazzurri, incapaci davanti il loro pubblico di imporre il gioco contro una squadra nettamente inferiore alla loro. 
Quando il match sembra ormai inchiodato sullo 0-0, come un fulmine a ciel sereno, ecco distendersi sul prato di S. Siro, come una ballerina dell’Etoile di Parigi, un capellone di nome Santiago Garcia, che tocca la palla insaccandola magicamente in rete. 

Eccoli gli interisti esultare, gioire…..ma per cosa? Per il gol, oppure per il gran gioco espresso dalla squadra di Stramaccioni? Se fossi nerazzurro mi preoccuperei della stagione dell’Inter che di buono fino ad adesso ha espresso poco…..

I tifosi del Palermo, già da questa mattina, hanno un solo pensiero (a forti tinte bianconere), ringraziando il cielo domenica tornerà in campo il capitano e con lui, si sa, tutto può succedere...
 
Commenti (1)
scritto da ahiahi il 03-12-2012 22:47:02
 
ma perchè ujkani e morganella hanno vinto la champions l'anno scorso?
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus