seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » Rubriche » Voci dalla capitale » Ignazio Marino candidato Sindaco di Roma: l'approfondimento ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Ignazio Marino candidato Sindaco di Roma: l'approfondimento

Vinte le primarie del centrosinistra, sfiderà Alemanno e De Vito

di Fabio Belli
Voci dalla capitale | Ultimo della lista in ordine di tempo, ma anche il centrosinistra romano ha il suo candidato sindaco. Si tratta di Ignazio Marino, medico e dal 2006 senatore per l'Ulivo prima e per il Partito Democratico ora, che ha sbaragliato gli altri contendenti nelle elezioni primarie svoltesi nella giornata di domenica 7 aprile. 

Per Marino si è trattato di un'affermazione importanti in termini percentuali, visto che lo stimato medico ha sfiorato quasi il cinquanta per cento dei voti, con un'affluenza stimata attorno alle centomila persone. Molto inferiore rispetto a quelle per il candidato Premier, che premiarono Pier Luigi Bersani, prima delle elezioni politiche, ma il difficile momento attraversato dall'Italia a livello istituzionale, con la mancata formazione del nuovo Governo, ha sicuramente influito nella disaffezione mostrata dagli elettori. I risultati definitivi delle primarie dicono dunque che Marino ha nettamente staccato gli altri contendenti, l'ex giornalista Rai ed europarlamentare David Sassoli, che si è assestato intorno al venti per cento dei voti, e Paolo Gentiloni, sempre dell'area PD, terzo con circa il quindici per cento. E se formalmente non è mancato il fair play tra i contendenti, con Gentiloni e Sassoli che si sono affrettati a rivolgere una telefonata di congratulazioni a Marino, attestandone ufficialmente la vittoria, d'altra parte non sono neppure scarseggiate le polemiche, soprattutto relative alle operazioni di scrutinio ed ai partecipanti al voto. E' stato proprio il comitato elettorale di Gentiloni a denunciare file di Rom ed extracomunitari ai seggi, insinuando il dubbio di un voto di scambio a favore di Marino. 
Dal comitato per Sassoli sono state invece avanzate perplessità riguardo le operazioni di spoglio di voti in alcune sezioni, con diverse schede contestate. Delle primarie dunque turbolente, che d'altronde erano già state caratterizzate dalla presenza di molti candidati, con una rosa che si era per giunta sfoltita nel rush finale con le rinunce di Alfio Marchini, che ha deciso di correre come candidato indipendente, e di Luigi Nieri, che ha deciso di sostenere la candidatura di Marino. 

La rosa dei candidati per le elezioni del maggio prossimo è dunque definita, ma non andrà considerata una corsa tra Alemanno e Marino, con solo Marchini come possibile terzo incomodo, visto che nella Capitale c'è grande curiosità attorno alla performance che potrà mettere insieme il candidato del Movimento Cinque Stelle, Marcello De Vito. Il quale viene considerato come un outsider capace di far saltare il banco, considerando anche il grande seguito che i grillini sono riusciti ad attirare nella campagna per le elezioni politiche del febbraio scorso.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus