seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » Rubriche » Voci dalla capitale » Per la Metro C da San Giovanni al Colosseo ci vorranno altri sette ...
OkNotizie
 0 commenti  |  
A+ A-
 

Per la Metro C da San Giovanni al Colosseo ci vorranno altri sette anni

La metropolitana è una ferita aperta nel cuore di Roma, ormai da decenni

di Fabio Belli
Voci dalla capitale | La metropolitana è una ferita aperta nel cuore di Roma, ormai da decenni: da quando cioè si ventila la costruzione di un sistema di trasporto sotterraneo efficiente e alla pari con le altre grandi metropoli europee, in modo da decongestionare quel traffico che nella Capitale ha spesso assunto contorni leggendari. Che sia più facile a dirsi che a farsi lo si è capito ormai da molti anni, sia per vincoli urbanistici ed ambientali, sia per le particolarità del sottosuolo romano, fatto a sua volta di gallerie e spazi che, se stravolti, potrebbero mettere a serio repentaglio la sicurezza degli edifici sovrastanti. 
Tutto questo senza dimenticare poi l'annoso problema dei beni culturali, con i ritrovamenti di reperti storici che spesso hanno bloccato i lavori per mesi, sin dall'inizio della costruzione della Metro A. 

In tale scenario, la costruzione della terza linea della metropolitana di Roma, la Metro C, non poteva che assestarsi sugli standard dei lunghissimi ritardi che hanno sempre accompagnato i progetti originali della rete di trasporto metropolitana capitolina. Basti pensare che i primi finanziamenti per l'opera sono stati stanziati nel 1995, che le indagini preliminari nel sottosuolo sono partite nel 2001, e che i primi cantieri sono stati aperti tra il 2006 ed il 2007. Sette anni dopo, si attende ancora l'apertura della prima tratta Monte Compatri-Pantano – Parco di Centocelle, che dovrebbe avvenire entro il 2013, mentre per arrivare al completamento della tratta Parco di Centocelle - Lodi - San Giovanni, bisognerà presumibilmente attendere il Natale del 2014. In attesa, il sindaco Gianni Alemanno ha annunciato proprio in questi giorni l'avvio dei lavori per la parte dell'opera che dovrebbe coinvolgere il centro della città, ovvero la tratta che dalla stazione San Giovanni (snodo con la Linea A) porterà alla stazione Colosseo (snodo con la Linea B). Ovvero il tratto dal maggiore valore strategico, a livello logistico, della linea C, che secondo i progetti non sarà completato prima del 2020 (senza considerare ovviamente gli eventuali ulteriori ritardi che potranno aggiungersi). Tempi lunghi, come detto all'inizio anche dovuti ai rischi ed ai vincoli urbanistici ed archeologici ai quali un'opera del genere è soggetta, con il sindaco che ha sottolineato come la sicurezza degli edifici e delle strade che saranno coinvolte dai lavori sarà prioritaria, e garantita dalle minuziose indagini preventive che saranno svolte prima dell'inizio di ogni parte dei lavori. Per quanto riguarda il traffico, l'apertura dei cantieri non comporterà la chiusura delle tre corsie dedicate al transito delle auto di via dei Fori Imperiali. Contestualmente ai lavori della Metro C tra San Giovanni e Colosseo, inizieranno anche quelli del prolungamento della Linea B tra l'attuale capolinea di Rebibbia e quello nuovo che sorgerà a Casal Monastero, per potenziare il trasporto pubblico in una zona periferica della città estremamente congestionata dal traffico.
 
Commenti (0)
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus