seguici su
 facebook
 twitter
     Feed rss
Meteo
Contatti      Pubblicità      Redazione
Sei in: BuonGiornoSicilia » sport » L'enduro siciliano si avvicina agli standard italiani ...
OkNotizie
 6 commenti  |  
A+ A-
 

L'enduro siciliano si avvicina agli standard italiani

Nelle prove oganizzate da "M.C. Canicattì", Doria è il re dei canali fangosi

di Salvo Longo
sport | Dopo un inizio di stagione non entusiasmante, l'enduro siciliano sta raggiungendo livelli sempre più alti: i nostri atleti si stanno destreggiando bene nel confrontarsi con speciali, percorsi e ritmi di gara sempre piu simili a quelli trovate oltre "stretto". 

La gara, organizzata dal "M.C. Canicatti" ha divertito un po' tutti, come consuetudine vuole. "L'assoluta" si è definita solo all'ultima prova speciale che ha incoronato Doria e la sua Husqvarna 310 te, "re" dei canali fangosi, seguito dal solito Ricchiari, che malgrado un problema all'avantreno ha condotto una gara di gran carattere. A chiudere sul terzo gradino del podio ecco il forte catanese Cutuli (Beta 300) che malgrado la sua buona performance in linea, soffriva il pesante fango del cross test. 

Chi invece ha costantemente lottato per "l'assoluta" senza però poterlo confermare a fine gara, a causa di una caduta in enduro test, è stato Salvo Giammona: malgrado la sua giovane esperienza, nei 4t si è confrontato alla pari con gli avversari, dettando i ritmi in molte prove speciali. 
Scorrendo le classifiche spiccano purtroppo alcuni ritiri eccellenti, dopo  come quello del giovane palermitano Talamo in sella ad una ktm 250 che, dopo un'ottima partenza (2° assoluto) è costretto ad assistere al resto della gara come spettatore a causa di un problema tecnico. 
Alessandro si è comunque, distinto per la sua indiscussa sportività: per tutta la durata della manifestazione si è messo a totale disposizione dei suoi amici/rivali; dando consigli e assistendo tutti i piloti che uscivano stremati dalle prove speciali. 




A salutare tutti prima del tempo, è anche Di pace: un problema tecnico durante la prova speciale in linea, lo ha costretto a spingere la moto per diversi metri tra canali e pietre, distruggendolo fisicamente e facendogli accumulare un ritardo incolmabile.

Nelle prime 11 posizioni dell'assoluta, troviamo quelli che fino alla scorsa stagione chiamavamo i "piccoli della 50 cc" e che oggi, insieme ai "grandi", godono di forte rispetto agonistico; parliamo di Marco Bologna (8° assoluto) su TM 125, Ivan Coniglio (10° assoluto) Husquarna 125 e Giuliano Mancuso (11° assoluto) su TM125.
Gli ultimi riconoscimenti vanno di dovere al grande Endurista Mauro Palilla che dopo aver organizzato, insieme al suo moto club, una gara bella e selettiva, si classifica 1° di categoria e con un eccellente 15° assoluto. 

 
Commenti (6)
scritto da Mauro il 12-03-2013 16:31:18
 
Bellissima domenica di vero Enduro, gara durissima, organizzata nei minimi dettagli, a fine gara piloti stremati ma sodisfatti. Per me domenica da sogno%u2026.da incorniciare. Grazie a tutti i ragazzi dello staff del M.C. Canicattì che ci hanno permesso di divertirci. Complimenti per il sito e per questo articolo. ;-)
scritto da GGarden21 il 12-03-2013 19:36:12
 
Spesso ci si sofferma a parlare della "nostra" Canicatti, come di una cittadina ormai spenta, priva di iniziative, di attività, di svaghi... Finalmente qualcuno che non pensa ma agisce al fine di valorizzare il nostro territorio, coinvolgendo ragazzi, grandi e bambini, dando spettacolo e impartendo l'educazione alla sana competizione. Se poi questo "qualcuno" è anche l'Architetto/Pilota più folle che ci sia, il tutto è ancora più bello!!! :)) E' in questi casi che mi sento orgogliosa di essere una canicattinese DOC, nonostante la mia lontananza. Bravo Mauro;), bravi ragazzi!!!!!!
scritto da alberto il 13-03-2013 06:21:43
 
Grandi i ragazzi del M.C. Canicattì; gara stupenda e organizzazione perfetta. Bravi...bravi....bravi!
scritto da francesco il 13-03-2013 08:49:38
 
canicatti prova valida anche per il regionale moto epoca dove i partecipanti se pur pochi alla partenza hanno saputo affrontare le difficolta della gara concludendo al primo posto talamo francesco con husquarna 250 del 1979 ed al 2 posto il grandissimo e tenace marco pagnano mentre nella categoria 50cc al primo posto gaetano lupo vi assicuro che percorre una fettuccia impestata di canali fangosi non è una impresa semplice .
scritto da MaX il 13-03-2013 09:35:47
 
Tre classi sulle quattro in gara nel minienduro sono state appannaggio del Team, con Matteo Modica trionfatore nella Aspiranti 85 con la nuova TM, e autore anche della migliore prestazione assoluta di giornata, Giuseppe Vitale vincitore nella Aspiranti 50 alla guida di una inedita Suzuki e Alessandro Sanfilippo primo nella Esordienti, davanti al compagno di Team Garcia Ferro, salito sul secondo gradino del podio. A conferma della leadership della scuola di avviamento al minienduro Motomondo Fathers& Sons sono giunti anche i successi nelle posizioni strettamente a ridosso del gradino più alto, come nella Baby, dove Manfredi Tedesco è giunto secondo, mentre và segnalata la performance nella Aspiranti 50, (dietro al vincitore Vitale), di Enrico Terruso, Alessandro e Arturo Cataldo, giunti nell'ordine. Domenico Ricchiari su TM 250 conferma classe e maturità nonostante si sia dovuto accontentare della seconda posizione in classifica assoluta, dietro al pilota di casa in "licenza" dal cross, Doria. Domenico, rallentato da problemi all'anteriore, si è anche reso autore di diverse cadute nelle prove speciali, ma nonostante tutto sino alla penultima frazione di gara era riuscito a mantenere la leadership della gara. Per Ricchiari a consolazione dell'argento in Assoluta è comunque arrivato l'oro nella classe di appartenenza, la E1 Top, a consolidamento di una leadership forte. A completare la giornata di successi della "valanga azzurra", nick scaturito dalle felpe azzurre sfoggiate dai componenti del Team, il successo cristallino di Marco Bologna nella Under 23: Marco ha ormai raggiunto un buon feeling con la sua TM, al punto tale da infliggere al diretto inseguitore oltre due minuti di distacco al termine delle prove speciali. I "temponi" fissati da Bologna sui cronologici ufficiali sono valsi al giovane e brillante pilota palermitano anche la settima posizione in classifica assoluta.
scritto da salvo il 13-03-2013 17:13:11
 
Sono estremamente contento nel leggere i vostri commenti, ringrazio la redazione per la possibilità data; poter parlare di uno sport che in molti definiscono minore ma che per tutti noi è "vitale"....
Scrivi un Commento
 
 
voglio ricevere una notifica via e-mail sui nuovi
commenti
 
Articoli Correlati (0)

Le Nostre Rubriche

 
 
Save the Children Italia Onlus
 
 
 
 
 
 
Save the Children Italia Onlus